Roland Garros : Novak Djokovic “Una delle mie vittorie più importanti”

(Foto Patrick Boren)

Finale : [3] Novak Djokovic (SRB)  b. [4] Casper Ruud (NOR) 7-6 6-3 7-5

Parigi – Slam n.23 per Novak Djokovic, successo che lo colloca definitivamente al vertice del tennis di tutti i tempi. Roland Garros sempre uno dei tornei più difficili da vincere.

“Uno dei più grandi, ovviamente. Sapevo che andare al torneo, andare al partita soprattutto oggi, che in gioco c’è la storia, ma cerco di focalizzare la mia attenzione ei miei pensieri in prepararsi per questa partita nel miglior modo possibile per vincere come qualsiasi altra partita.

Ovviamente se dico che non ci ho pensato, sai, il traguardo che è proprio lì e che un’altra partita è serviva per vincere un trofeo, storico, certo, ma il mio il team ha creato una buona bolla intorno a me. Quindi tu sai, abbiamo fatto, credo, un ottimo lavoro rimanendo nel momento presente e prestazioni buone come volevamo E ovviamente quando ho visto il suo dritto andare largo, l’ho sentito un enorme sollievo, e sono stato sopraffatto dal meraviglioso emozioni. Sì, ne sono molto felice e molto orgoglioso.”

Il più grande giocatore della storia. “Bene, grazie. Voglio dire, non lo so non voglio dire che sono il più grande, perché sento, ho detto prima, è irrispettoso verso tutti i grandi campioni in diverse epoche del nostro sport che è stato praticato in modo completamente diverso da come si gioca oggi. Quindi mi sento come ogni grande campione della sua stessa generazione ha lasciato un segno enorme, un’eredità, e ci ha aperto la strada essere in grado di praticare questo sport in un palcoscenico così grande in tutto il mondo. Quindi lascio quel tipo di discussioni su chi è il più grande per qualcun altro. Sai, l’ho fatto ovviamente grande fede, fiducia e convinzione, sai, per me stesso e per tutto ciò che sono e chi sono e cosa sono capace di fare. Quindi questo trofeo ovviamente è un altro la conferma della qualità del tennis che sono ancora in grado di fare produrre, mi sento. L’ho detto all’inizio della stagione che gli slam sono “le” maggiori priorità nella lista di controllo per non farlo solo in questa stagione ma in qualsiasi stagione, soprattutto in questa fase della mia carriera. Sai, se qualcuno me lo dicesse, vincerò i primi due slam dell’anno lo firmerei subito. Arrivando agli Open di Francia il mio record sulla terra battuta non lo era Bene. Non stavo giocando bene, non mi sono comportato bene in tornei su terra battuta prima di Parigi. Ma non appena sono arrivato qui, mi sono sentito diverso, sai, in modo positivo. Ho sentito di avere una possibilità, molto buona possibilità contro chiunque al meglio di cinque. Lo so di più dei ragazzi sente molta pressione arrivando al meglio dei cinque partita del Grande Slam contro di me, e questo è esattamente, tu sai, come voglio che si sentano. È un bene che tu avere quel tipo di, sai, in un certo senso, vantaggio mentale. Ma è solo così tanta pressione ed emozioni e aspettative da parte mia personalmente e da chiunque altrimenti, sai, una volta che è finito, una volta che tutto è finito fatto e spolverato, è semplicemente incredibilmente soddisfacente, ovviamente, se finisci con il trofeo, un altro trofeo del Grande Slam, e allo stesso tempo è un enorme sollievo, perché sono solo contento è finita, perché devi, sai, avere a che fare con la gentilezza di quelle pressioni e aspettative su base giornaliera e tipo di vivere con te stesso nella tua mente e cercando di gestire tutti i nervi. Quindi ovviamente mi sento incredibilmente orgoglioso, soddisfatto. sono così felice di poterlo condividere con la mia famiglia, i miei figli, i miei moglie, i miei genitori, tutti quelli che mi hanno sostenuto in questo viaggio. Ovviamente il viaggio non è ancora finito. Sento, sai, se lo sono vincere gli slam, perché anche solo pensare, sai, alla fine la carriera che già va avanti da 20 anni. Quindi mi sento ancora motivato, mi sento ancora ispirato a giocare al meglio il tennis in questi tornei è il più, sai, Grand Slam. Quelli sono quelli che contano di più immagino nella storia del nostro sport.

Non vedo l’ora che arrivi Wimbledon.” (1572)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com