Roland Garros : Amelie Mauresmo “Abbiamo battuto il record delle 630.000 presenze”

(Foto Patrick Boren)

ParigiAmelie Mauresmo direttrice del Roland Garros si presenta per la stampa conferenza di fine torneo. Un torneo benedetto dal bel tempo per tutte e tre le settimane, e soprattutto che ha dato splendide partite finite al quinto, battaglie da ricordare, gioie, tristezza, ma con lo sport sempre vincitore.

“Grazie per essere qui questa mattina.” Esordisce Amelie, ex numero uno del mondo e vincitrice a Wimbledon nel 2006 “Volevo solo dire qualche parola sui tre o quattro punti di cui vorremmo parlare con voi su cosa abbiamo deciso di implementare per l’edizione 2023 e di cui siamo abbastanza soddisfatti e poi ovviamente risponderò alle vostre domande, se avete domande, per quanto riguarda altri argomenti che potrei non aver discusso. Quindi se pensiamo cronologicamente a quello che avevamo annunciato molto prima del torneo, che volevamo davvero fare un torneo di tre settimane, e in ordine cronologico di questo torneo, sono molto soddisfatto che questa settimana di apertura, questa settimana di qualificazione, sia stata un successo incredibile. Molte persone sono venute. I biglietti erano esauriti per quella  settimana. Abbiamo davvero avuto i giocatori di qualità, che erano parte del Roland Garros, che non era un sottotorneo, ma che facevano parte integrante dell’edizione 2023 del Roland Garros.

Questo è stato un grande successo. I giocatori erano molto contenti a tale proposito. Il pubblico era lì. È stato fantastico. Andremo anche ulteriormente per il 2024. Abbiamo possibilità di sviluppo per quella settimana nel 2024. La cosa o la promessa che avevamo fatto prima del torneo doveva anche offrire emozioni, rendere ogni persona che trascorre una giornata allo stadio, per offrire loro una giornata unica. La prima cosa che abbiamo fatto per il grande pubblico è stato diminuito il numero di persone in totale, quindi meno 2.000 persone, che sono i 2.000 delle  tribune superiori del Simonne Mathieu, e tutti i biglietti avevano accesso a questa parte degli spalti. Questo ci ha permesso di avere meno persone in coda, maggiore comfort, una migliore esperienza per il pubblico che entra nello stadio. È stato apprezzato da tutti. Abbiamo strumenti per misurare tale soddisfazione, e il feedback è eccezionale. Quindi, ancora una volta, non dico che andremo oltre nel 2024, ma lo faremo, qualcosa che terremo per il 2024, perché il feedback  è super positivo.

Nonostante queste meno 2.000 persone al giorno, abbiamo battuto il record di 630.000 persone in totale , con un miglior comfort, una migliore distribuzione sulle tre settimane, e anche in tutto il sito con l’accesso al Simonne Mathieu, lo stadio  era più accessibile a tutti. L’altra cosa che stavamo testando in un certo modo è iniziare prima le sessioni notturne. Era un lavoro in corso in questo nuovo slot per il torneo. Abbiamo voluto testare e imparare. E il fatto di iniziare il primo punto a alle 20:30 è stato  più interessante per il pubblico, per i giocatori. Non abbiamo avuto problemi di trasporto dopo il termine delle partite come l’anno scorso. Quindi questo ha davvero migliorato la situazione. Anche da parte delle società partner ho avuto riscontri positivi. Anche se c’era un po’ più di fretta per riempire lo stadio, la novità è stata  ben percepita. Quindi, di nuovo, questo è certamente qualcosa che conserveremo per il 2024. E l’ultimo argomento di cui vorrei parlare che è stato importante per noi, era che questa edizione 2023, doveva celebrare la vittoria di Yannick Noah a questo proposito. È stato molto ben percepito nella giusta misura, con la giusta emozione, sia per Yannick, sia per i presenti, per il suo entourage che sono stati presenti più volte durante il torneo. Noah consegnerà il trofeo al vincitore quindi è stato qualcosa di importante per noi, per me, per il torneo, per la Federazione, e penso che ci sia il suo segno nello stadio Roland Garros, ed è qualcosa non volevamo mancare per noi nel 2023.”

Ciao, Amélie. Sembrava che i fan fossero molto eccitati quest’anno.
AMÉLIE MAURESMO: Eccitati?
Eccitabile in senso buono ed eccitabile a volte in modo maleducato, alcuni giocatori. Mi chiedo solo se il
i giocatori ti avevano parlato di tutto questo, se hai avuto qualche commento da parte dei giocatori su questo tipo di cosa?
AMÉLIE MAURESMO: Non che io sappia. Nessun feedback su questo argomento specifico dai nostri supervisori turistici o addirittura i funzionari ATP o WTA che sono qui sul posto per tutto il tempo. Ma sì, ho notato che c’era una bella atmosfera questa anno. Inoltre, penso che il tempo fosse buono, e credo che questo  rende le cose un po ‘diverse. L’anno scorso, da come mi ricordo, era un po’ più freddo e non così, sì, non era così piacevole forse per tutti a venire o per godersi appieno l’esperienza.

La programmazione femminile se è importante per te, è se c’è qualcosa che vorresti cambiare nel futuro?
AMÉLIE MAURESMO: Tornerò anch’io quello che ero raccontandovi ieri per quanto riguarda l’intera programmazione, perché l’attenzione è davvero su queste dieci partite dove ovviamente abbiamo molte più partite su cui giocare anche lo slot prime, non solo questo slot prime, cioè l’ incontro serale su Chatrier. Sicuramente questo, secondo me, e abbiamo i numeri per farlo sostenere che, a parte le sessioni notturne, che il primo gli slot questa volta si stavano riequilibrando anche su quanto accaduto lo scorso anno molto più equilibrato tra uomini e donne, quindi questo è qualcosa per noi che è decisamente importante.
Ho sentito che è delusa da questo. Voglio anche solo per dire che alcuni dei giocatori di alto profilo, cioèle giocatrici di cui sto parlando, sarebbero le nostre le scelte da mettere nelle partite notturne non sono molto propense andare di notte e avere richieste diverse. Non erano a ascoltare sempre le richieste, non è quello che sono dicendo, ma cerchiamo anche di organizzare in generale, se lo sono giocatore di uomini o donne, cerchiamo di organizzare tutti se noi Potere. Quindi, voglio dire, penso che tu lo sappia, perché ho visto alcuni giocatori anche commentando la questione. Così questo non rende anche la nostra vita più facile in termini di…

Lo apprezzo. Tutti gli uomini sono disponibili a giocare di notte?
AMÉLIE MAURESMO: Non tutti, no. Loro hanno anche richieste. Ecco perché sto dicendo che viene da tutti.
Sì, a volte possiamo andare nel senso del richieste; a volte non possiamo. Ma si.

Non so se vedi il video o qualcosa del genere, ma molti giocatori attuali o addirittura ex top player
ha detto che potrebbe essere un po’ ingiusto per i giocatori ottenere squalificato.
AMÉLIE MAURESMO: Penso che lo spogliatoio sia  diviso su questo. Ho sentito, sì, molte persone o molto di giocatori che effettivamente dicono che non è giusto. ho sentito alcuni lo dicono, beh, se fai piangere una raccattapalle circa sette, otto minuti o più, allora significa qualcosa.Quindi, sai, non commenterò, perché quando vedi un video dopo aver preso una decisione è sempre più facile. La decisione è stata presa dal tour supervisore e l’arbitro. Senza vedere il video, vieni in tribunale. Devi dare un giudizio basato su qualcosa che non hai visto, basato sul fatto che qualcuno ti stia segnalando. E quando vedi una raccattapalle piangere così a lungo, immagino è allora che devi prendere una specie di decisione. Suo solo fatti. Non ho intenzione di commentare se è buono o cattivo. È quello che è. Poi va al Grande Slam regolamento, che è abbastanza chiaro. È stata anche la decisione del torneo di tenerla dentro il doppio misto, che penso fosse anche qualcosa positivo almeno per lei.

Sapevo e vedevo cosa stava succedendo, ma per alcuni motivo le persone più importanti che fanno il
decisione non hanno accesso a tali informazioni, che, voglio dire, sono banalità.
AMÉLIE MAURESMO: No, questa è una domanda sul video, e questo è sicuramente qualcosa che probabilmente è già affrontato in termini di – questo è un grande cambiare le regole, quindi non sono io quello che ce la farà il cambiamento oggi. Ma sicuramente avvia la conversazione il tavolo per vedere come, forse, non so, come forse il tennis può evolvere verso qualcosa che è già usato negli altri sport. Questa è comunque una domanda interessante per il tennis. Sicuro.

  (1566)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com