Wimbledon: Paolini da sogno. Domina Emma Navarro e si qualifica per la semifinale

(Foto P.Boren)

Londra –  Spettacolo Paolini. Jasmine batte in due set 6-2 6-1 l’americana Emma Navarro (17) e si qualifica prima italiana nella storia del tennis per la semifinale dell’edizione 2024 del torneo di Wimbledon. Era una sfida quasi impossibile. La figlia del barista di Bagni di Lucca, contro la figlia del miliardario americano (di origini italiane). Una cosa impensabile fino a 10 giorni Paolini non aveva vinto nessuna partita sull’erba. Oggi una partita perfetta. Una lezione di tennis di 58 minuti da fare vedere nelle scuole tennis. Dopo avere perso tre volte su tre con Navarro, Jasmine ha giocato una partita incredibile. Un tennis senza errori. Concentrata dal primo punto al match point.  Solida da fondo Jasmine ha variato ogni volta che poteva mandando l’americana in confusione. Discese a rete, back affilati come rasoi, smorzate per chiamare la Navarro avanti, dove non è abituata a giocare. Una vittoria che vale la quinta posizione in classifica comunque vada la semifinale. Ora semifinale contro l’australiana Donna Vekic contro la quale ha vinto ne 2023 a Montreal e nel 2021 a Courmayeur contro una sconfitta sempre nel 2021 a Cincinnati.due dei tre precedenti incontri. Il sogno può continuare.

E’ eccezionale vincere una partita in questo campo. Sono realmente contenta che non so cosa dire.

Sono contenta di essere qui in questo campo. Quando ero bambina guardavo le partite alla tele. Ho giocato un gran bel match. Avevo perso tre volte, lei è tosta, ma credo di aver giocato proprio bene.

Sarà dura con la Vekic In semifinale tutti gli avversari sono forti . Lotterò su ogni palla e sono riconoscente di giocare davanti a voi.

 

Primo set . Dal terzo gioco  1-2 sotto di un break Jasmine gioca un tennis stellare. Non sbaglia più una palla ed annichilisce Navarro. Risposte perfette, dritti che cadono ad un centimetro dalla riga di fondo. La n.17 del mondo in confusione non sa più cosa fare. La finalista del Roland Garros infila una striscia di cinque giochi a zero. Sei due in 27 minuti.

Secondo set. Navarro cerca di forzare e chiudere i punti in due colpi di racchetta perché ha capito che se fa giocare la Paolini non c’è niente da fare. Dal punto di vista tecnico a vantaggio della Paolini si può dire che dopo otto giorni l’erba di Wimbledon diventa, almeno per la zona di fondo quella più frequentata, molto simile alla terra battuta. Erba battuta come diceva il grande Gianni Clerici. Sull’erba inoltre il rimbalzo della pallina è più basso che su altre superfici. L’altezza giusta per Jasmine. Due palle break subito al quarto gioco. Navarro annulla con una prima imperdibile, ma sulla seconda Emma non controlla la risposta dell’azzurra. Quattordici vincenti a sei. Jasmine va avanti tre giochi ad uno. Una palla break da salvare con una discesa a rete e poi break confermato. Paolini attacca a rete, gioca il back che sull’erba schizza via e destabilizza l’americana. Confusa Navarro scende a rete zona di campo a lei negata. Ancora tre palle break per Jasmine. Doppio fallo di Navarro che ha il sapore della resa. Paolini serve il match e per una storica semifinale. Palla corta e meno due dalla semifinale. Due match point. Il secondo è quello buono. Rovescio fuori della Navarro e Paolini è nella storia.

  (4496)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com