Roland Garros : Sinner spreca due match-point e lascia via libera a Altmaier

(Foto Patrick Boren)

Risultato  : Daniel Altmaier (GER) b. [8] Jannik Sinner (ITA) 6-7 7-6 1-6 7-6 7-5

Parigi – Giovedì nero per Jannik Sinner testa di serie n.8 che saluta Parigi sconfitto dal tedesco Daniel Altmaier (79) dopo 5 ore e ventisei minuti di lotta. Una partita che sembrava vinta quando al quarto set sul 5-4 Jannik ha avuto due match-point. Il primo annullato grazie a un nastro beffardo che ha deviato la palla del tedesco, il secondo gettato via dall’azzurro con un facile rovescio messo fuori dal campo. Che sarebbe stata una partita difficile si era capito dai primi scambi. Altmaier non soffriva la palla di Sinner, anzi ne sfruttava la velocità per tenere l’azzurro lontano dalla linea di fondo. Non nuovo ad exploit del genere  Altmaier aveva nel 2020 raggiunto gli ottavi al Roland Garros, sempre partendo dalle quali ed eliminando sulla strada il nostro Matteo Berrettini

Comunque era Sinner a fare il match nel bene e nel male anche se Altmaier dalla parte del rovescio faceva male chiudendo con lungolinea imprendibili. L’equilibrio dominava sovrano. Primo set break per Altmaier, subito dopo contro break per Jannik che chiude al gioco decisivo. Nella seconda frazione dominano i servizi. Si va di nuovo al tie-break dove  l’altoatesino annulla tre set-point , ma poi al quarto il tedesco chiude con un dritto vincente. La terza frazione è dominata da Jannik che lascia un solo gioco ad Altmaier.

Si inizia il quarto set  con il 79 del mondo che fa subito il break. Jannik recupera e sul 5-4 serve per il match. Arrivano i due match-point di cui si è detto. Jannik perde il servizio e si va ancora una volta al tie-break che il tedesco chiude per sei giochi a quattro. Quinto set killer dominato dalle emozioni. La partita è diventata una lotta fisica e mentale. Sul tre pari è Sinner a cedere per primo il turno di battuta. Altmaier serve per il match, ma anche lui a corto di fiato rimette Sinner in corsa. Jannik inizia con un doppio fallo. Le gambe non ci sono più e Altmaier va di nuovo a servire per il match. Siamo oltre le cinque ore di partita. Altmaier guadagna tre match-point consecutivi. Sinner ne annulla due e sul terzo Altmaier commette un doppio fallo. Ne arriva un quarto che Jannik annulla con un grande passante. Un dramma scespiriano dove quello che sembra sicuro un minuto dopo non lo è più . Palla break per Sinner, che il tedesco annulla con una splendida voleè. Secondo break point che si spenge con un dritto fuori di Jannik. Arriva anche la terza palla break che se va con ancora un errore di dritto dell’italiano. Gli dei del tennis hanno esaurito le possibilità di aiuto per l’azzurro.

Sinner non ha più le gambe, mette un rovescio fuori, e al quinto match point Altmaier chiude con un ace. Gioco partita e incontro, ma quanti rimpianti per un match che si poteva vincere.

“Ho avuto le mie opportunità, nel quarto, nel quinto forse mi sono messo troppe pressioni da solo. Ci tenevo molto a fare bene, ma negli ultimi due tornei non è andata così. La stagione è andata bene, avevo già perso partite combattute, le occasioni le ho avute, ma la mia attitudine non era come al solito. “

dice Sinner che non nasconde la delusione. “Ci sono giorni come questi a cui bisogna adattarsi. Vedremo come andrà a Wimbledon. Mi ero preparato , avevo lavorato bene fisicamente, il tennis non è uno sprint, ma una maratona. L’obbiettivo di quest’anno era di andare a Torino. Forse cercavo a Roma e Parigi buoni risultati, avevo troppo aspettative, non giocavo rilassato. Lui ha servito bene è un ottimo combattente. Partite così si possono vincere o perdere, ci vuole anche un pò di fortuna. Nell’ultimo gioco ho fatto scelte sbagliate e mi fa male perchè ci tenevo tanto.”

Un problema di atteggiamento verso la partita. “Il mio atteggiamento oggi non era quello solito. In campo devo essere più felice, felice di essere in campo a giocare. Oggi non ero sorridente dentro. Da ora in poi sarò molto più felice in campo. Anche lo smash l’ho giocato al centro, alla fine sono i dettagli che fanno la differenza. Devo ragionare in un altro modo. Prendo le cose in modo positivo, un giorno no, ma tornerò sempre più forte.” (1347)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com