Wimbledon : Kyrgios “Non è il modo in cui volevo arrivare in finale”

Londra – Tradizionale conferenza stampa pre-finale per Nick Kyrgios che si è guadagnato un posto per l’ultimo atto del torneo senza giocare, per il ritiro di Rafael Nadal. “Non è questo il modo in cui voleva arrivare in finale” ha detto l’australiano “Non ho parlato con lui, ma gli ho inviato un messaggio augurandogli di tornare presto. “ Nick ha poi raccontato che ieri notte non gli è riuscito prendere sonno. “Pensavo a tutti i possibili scenari, io che vinco, io che perdo, che sollevo il trofeo. Non” Kyrgios ha anche detto che a parte Hewitt nessuno dei grandi campioni australiani gli ha telefonato o fatto gli auguri e che quando da junior ha giocato su questi campi mai avrebbe pensato di arrivare ad una partita dal trofeo. Infine ha citato la foto di lui da ragazzino grasso e goffo postata su Instagram. ” È giusto che abbiano dubitato di me, ma non ho mai perso la fiducia in me stesso. Credo che questo sia un messaggio forte per tutti i ragazzi che dubitano di sé. Continuate ad andare avanti. Guardate quella foto, sembro letteralmente
assomiglio letteralmente a Manny di “Modern Family.”

Qui di seguito il testo integrale dell’intervista :

Nick, forse non è il modo in cui vorresti arrivarci, ma sei un finalista di Wimbledon.
Come ci si sente che sensazione?
NICK KYRGIOS: Sì, penso che tu l’abbia già detto: non è
non è il modo in cui volevo arrivare in finale. Come concorrente,
volevo davvero quell’incontro. Era ovviamente una cosa
che non appena avessi battuto Garin, Rafa sarebbe stato molto probabile,
con cui ho avuto tante belle battaglie in passato.
Entrambi abbiamo ottenuto una vittoria contro l’altro in questo torneo.
torneo. Volevo davvero vedere come sarebbe andato il terzo
capitolo.
Ovviamente non si vorrebbe mai vedere una persona come lui, così
importante per questo sport, subisca un infortunio del genere.
Ha giocato così tanto a tennis. Ha avuto una stagione
stagione.
Spero solo che si riprenda. Sono sicuro che lo affronterò di nuovo su un
grande palcoscenico.
Ovviamente non ci andrò… è emozionante dire che ho la possibilità di giocare
possibilità di giocare per un titolo del Grande Slam in singolare dopo
tutto. È molto bello.

Q. Come e quando ha scoperto che si stava
ritirarsi? Ha parlato con Rafa?
NICK KYRGIOS: No, non gli ho parlato. L’ho scoperto
ieri sera a cena, ovviamente prima che mi venisse
indicato che sarebbe successo, prima della conferenza stampa.
Sinceramente la mia prima sensazione è stata un po’ di delusione. Le mie
energia era così concentrata su come giocare contro di lui e su come
tatticamente andrò in campo e come giocherò, le emozioni di
emozioni di scendere in campo, tutto questo genere di cose.
Ma non sarebbe stato facile per lui farlo.
questo. Sono sicuro che molti membri della sua squadra e lui stesso,
ci sarebbe stata una parte di lui che avrebbe voluto giocare, di sicuro.
Quest’anno ha perso appena una partita. Probabilmente voleva
probabilmente tutte e quattro le partite. Quindi non sarebbe stato facile.
Ho pensato di mettere solo un post carino per dire: “Sentite..,
abbiamo avuto molti scontri, molte battaglie. Sono sicuro che alla
sono sicuro che alla fine della giornata tutti volevano vederci andare in guerra là fuori.
guerra. Spero che migliori.

Q. Quali sono i suoi primi ricordi quando guardava
Wimbledon e di aver pensato che forse avresti potuto
a questo stadio?
NICK KYRGIOS: Non l’ho mai pensato. Non avrei mai pensato di essere
qui, ad essere brutalmente onesto con voi.
Ovviamente, quando ero il numero 1 al mondo tra i giovani e giocavo qui da juniores.
e giocavo qui come juniores, non posso dare abbastanza credito alle
alle squadre juniores, per quello che ha fatto per la mia fiducia. Essere vicino ai
Grandi Slam a quell’età, essere vicino ad alcuni dei migliori
giocatori di alto livello, la struttura, non credo che avrei avuto
così rapidamente il salto di qualità nel maschile. Ma non ho mai
pensato che avrei giocato.
Vedevo alcuni professionisti che andavano in giro e io ero uno junior qui, e non avrei mai pensato di giocare.
per il titolo maschile.
Sento che è l’apice del tennis.
Una volta che sei in grado di alzare un trofeo del Grande Slam, questo è
che altro c’è da fare?
Quindi non avrei mai pensato di essere qui. Sono solo super orgoglioso e
Sono pronta a partire. Darò il massimo e vedremo cosa succederà.
vedremo cosa succederà.

Q. Volevo chiederle come ci si sente a giocare la finale dopo un
un così lungo intervallo di partite. Pensi che questo sia
meglio per te, visto che hai detto di aver giocato molte partite.
partite, il tuo corpo potrebbe non essere pronto in un certo senso?
senso? Inoltre, hai perso un giorno in più di gara.

NICK KYRGIOS: Sì, certo. Ci ho pensato ieri sera.
ieri sera. Sento di aver giocato con una buona routine.
buona routine. Ovviamente la gente direbbe subito: “Ha un altro giorno libero”.
si prende un altro giorno di riposo. Ma è sicuramente uno shock per il
sistema perché ho giocato così tante partite.
Quando giochi un match in un Grande Slam, sai che in fondo hai un giorno per riposarti.
sai nel profondo che hai un giorno per rilassarti e
rilassarsi e poi ripartire.
Avere tre, due giorni e mezzo, tre giorni di riposo, oggi
Cercherò di emulare un po’ uno scenario non da partita,
ma cercherò di fare un po’ più di allenamento prolungato per
per sentirmi come se fossi in quella stessa routine, perché
perché questo può spiazzare tutti.
Ovviamente in un Grande Slam si vogliono fare quelle partite.
partite. Credo che in un certo senso sia esattamente quello che hai detto,
la carica agonistica, si vuole avere quella carica, l’adrenalina.
adrenalina. È una cosa che dovrò fare per andare in finale senza
andare in finale senza l’esperienza della semifinale.
esperienza.
Ma va bene così. Prenderò ogni cosa positiva. Ho la possibilità di
riposare un po’ il mio corpo. Non è male entrare in campo sentendosi
fresco.
Ad essere sincero, però, la scorsa notte ho dormito in modo scioccante. I
Probabilmente ho dormito un’ora solo per l’eccitazione.
eccitazione. Avevo così tanta ansia, mi sentivo già così
così nervoso, e di solito non mi sento nervoso.
So solo che molte persone vogliono che io faccia bene e che dia il meglio di me.
e che dia il meglio di me. Ma la scorsa notte ho dormito in modo sconvolgente.
Spero di riuscire a dormire un po’ stanotte (sorride).

Q. Ovviamente è stata un’esperienza molto nuova per te
andare così a fondo in uno Slam. C’è qualcosa che hai
imparato su te stesso negli ultimi 10, 11 giorni che
forse non sapevi una settimana fa, domenica?
NICK KYRGIOS : Quando ho vinto il doppio in un Grande Slam mi sono reso conto che
è davvero necessario portare a termine le proprie cose in modo veloce e clinico, e poi riposare.
All’inizio della mia carriera non mi ero reso conto che questi
giorni di riposo e di allenamento sono così cruciali. È come se avessi battuto
Ho battuto Paul Jubb 7-5 al quinto set nel mio primo turno, e
e ora sono in finale a Wimbledon.
Devi solo cavalcare l’onda, seguire i colpi in un Grande Slam.
un Grande Slam. Non si sa mai. Non si sa
non si sa. Potresti essere a quattro punti dal perdere
il torneo, poi 11 giorni dopo sei in finale,
quindi…
Mi sento come se ora prendessi le cose come vengono, più di prima.
più di quanto non facessi prima.

Q. Prima Novak, lei è stato molto solidale con lui
durante i suoi drammi all’inizio dell’anno. Inoltre
in passato non è stato molto lusinghiero. Può
parlare del suo rapporto con Novak, del rispetto
e altro.
NICK KYRGIOS: Abbiamo sicuramente una sorta di romance
ora, il che è strano. Credo che tutti sappiano che non c’è stato
amore perduto per un po’. Penso che sia stato salutare per lo
sport. Penso che ogni volta che ci siamo affrontati, c’è stata
c’è stato un po’ di clamore. Era interessante per i media, per le
persone che guardavano e tutto il resto.
Mi sentivo come se fossi quasi l’unico tipo di giocatore e di
a prendere le sue difese con tutti quei drammi agli Australian Open.
Mi sembra che il rispetto si guadagni in questo modo.
Non sul campo da tennis, ma quando c’è una crisi nella vita
crisi della vita reale e qualcuno si fa valere per
per te…
Ci mandiamo messaggi su Instagram.
e cose del genere. È davvero strano. In realtà, all’inizio della settimana
settimana, mi ha detto: “Spero di vederti domenica”.
Non si sa mai. Ha un incontro incredibilmente difficile
oggi. Sappiamo tutti di cosa è capace Cam. La crescita
di Cameron Norrie è pazzesca. Ricordo solo quel ragazzino
con una fascia rosa che giocava sotto i 10 anni e che io
distruggevo ogni volta che giocavo con lui. Ora è semifinalista a
Wimbledon e abbiamo la possibilità
di affrontarci in un Grande Slam è semplicemente pazzesco.
Sono entusiasta in ogni caso. Penso che una finale Kyrgios-Djokovic
Kyrgios-Djokovic sarebbe una finale da leccarsi i baffi. Credo che se si facesse una ricerca
ricerche, credo che lo considerereste il favorito
oggi. È per lui che probabilmente mi preparerò.
Ma allo stesso tempo non escludo affatto Cameron Norrie.

Q. In passato il suo rapporto con questo sport
è stato un po’ di amore-odio. Nelle ultime
due settimane vedi che la situazione cambierà in futuro?
futuro?
NICK KYRGIOS: Non so se cambierà.
Ci sono sicuramente dei momenti in cui odio questo sport, ma ci sono anche dei momenti in cui
penso di essere una delle persone più competitive
che abbia mai conosciuto. Ho conosciuto molte persone. Sia che
che si tratti di giocare con il mio Nintendo, o di giocare a basket,
che si tratti di qualsiasi cosa, sono molto competitivo.
Quindi mi sento come se, sì, amassi il tennis, ma adoro competere.
competere. Mi piace andare contro qualcuno, e mi
amo l’aspetto vincente e perdente dello sport in generale.
Quindi non so se questo cambierà mai.
L’unica cosa certa è che domenica, che io vinca o perda, sarò felice,
sarò felice. È un risultato così grande che
Pensavo che non ne avrei mai fatto parte. Soprattutto a 27 anni, sento che
che questo sia, per me, l’ultima fase della mia carriera.
Ma non avrei mai pensato che sarebbe stato proprio qui.
Ho una possibilità.

Q. L’Australia ha un ricco patrimonio di campioni,
soprattutto qui. Si è mai permesso di pensare
a cosa significherebbe unirsi ad alcuni di questi
grandi in caso di vittoria?
NICK KYRGIOS: Voglio dire, per quanto riguarda i grandi del tennis australiano,
non sono sempre stati i più gentili con me.
personalmente. Non mi hanno sempre sostenuto.
Non lo sono stati in queste due settimane. Quindi è
difficile per me leggere le cose che dicono su di me.
Per esempio, quando ho visto Ash Barty nella finale di
Australia, non ho potuto che essere felice. Non direi mai una parola
parola negativa su un australiano che arriva in finale.
E l’unico grande che mi ha sostenuto per tutto il tempo è stato Lleyton Hewitt.
Come lui sa. È il nostro capitano di Coppa Davis, e sa che io
sa che io faccio le mie cose. Sono sicuramente l’emarginato
dei giocatori australiani.
Sa che deve tenersi a distanza e lasciarmi fare
me. Mi manda solo un messaggio qua e là: “Continua così”.
andare. Tutto qui. Solo: “Ben fatto”. Continua.
È piuttosto triste perché non ricevo alcun sostegno da nessuno degli altri tennisti australiani.
dal lato maschile. Non i giocatori, ma i grandi del passato. È strano che abbiano
hanno una sorta di ossessione malata nel demolirmi per
qualche ragione. Non so se non gli piaccio o se hanno paura.
hanno paura. Non lo so. Non so cosa sia.
Ma è uno schifo, perché se fosse a ruoli invertiti, se vedessi de
Minaur in finale, o se vedessi Jordan Thompson o Thanasi.
Sarei entusiasta. Avrei bevuto una una pinta di birra a guardare impazzito. Quindi non lo so.
Un saluto a Lleyton, credo.

Q. È vero che hai giocato con Lleyton prima di venire qui?
sull’erba?
NICK KYRGIOS: Ho giocato un giorno, un giorno a Hunters Hill.
Hill. Ovviamente i media amano dire che è ogni giorno con Lleyton Hewitt.
È stato un giorno per circa un’ora e mezza.
mezz’ora.

Q. L’altro giorno ha postato una foto di lei da bambino con una racchetta da
racchetta da tennis. Mi chiedevo: com’era quel
com’era quel bambino? Era competitivo come lei
ora? Ci può raccontare un po’ com’era lei
da bambino.
NICK KYRGIOS: Affamato. Ero affamato.
Sì, penso che sia esilarante perché, come dire, non credo di essere una persona come me.
Guardando quella foto, ad esempio sono cresciuto a Canberra, i campi in cui mi sono allenato erano orribili, e ora ho la possibilità di giocare la finale di Wimbledon.
Penso che sia un’ispirazione per tutti i ragazzi che sono stati emarginati o che hanno semplicemente
emarginato o che è stato circondato da titoli di giornale negativi o da nuvole negative o che cercano di esserlo, di essere, come dire, abbattuto da un sacco di angolazioni.
Penso che sia possibile, che sia ancora possibile realizzare
qualcosa di speciale se si crede in se stessi. Io non ho mai perso la fiducia in me stesso. Credo che la maggior parte delle persone intorno a me, a un certo punto della mia vita, abbia perso la convinzione che io
di arrivare a una finale del Grande Slam, dubitavano un po’ di me
sul mio comportamento o sul modo in cui mi allenavo. Credo che tutti, si può dire. È giusto che abbiano dubitato di me, ma non ho mai perso la fiducia in me stesso.
Credo che questo sia un messaggio forte per tutti i ragazzi che dubitano di sé.
Continuate ad andare avanti. Guardate quella foto, sembro letteralmente
assomiglio letteralmente a Manny di “Modern Family”.

Q. L’altro giorno ha parlato dei G.O.A.T., li ha chiamati così.
li ha chiamati. Ora siamo arrivati al punto che Rafa
Rafa ha parlato dei suoi infortuni, Federer sta ancora cercando di
Federer sta ancora cercando di tornare, Novak potrebbe non giocare più fino agli
Open di Francia in uno Slam. Sente la responsabilità
responsabilità di portare avanti lo sport quando non ci saranno più?
sport?
NICK KYRGIOS: No, non la sento. Non credo che nessuno sia in grado di
di riempire quei panni, ad essere onesti. Abbiamo un
grande gruppo di giovani giocatori in arrivo. Alcaraz è
incredibile. Sinner, avete visto cosa è in grado di fare. Tanti
tanti giovani. Anche Nakashima, il modo in cui ha
ha giocato questo torneo.
Non credo che io o quei ragazzi siamo in grado di riempire quelle
scarpe. Non vedremo mai più un avversario come Rafa.
Non vedrete mai più qualcuno maneggiare la racchetta come Roger, così
senza sforzo. Probabilmente non si vedrà mai più nessuno
vincere e giocare così bene come un vincente
di Djokovic.
Non credo che nessuno riuscirà a riempire quei panni. Quando non ci saranno più
non ne sono sicuro. Mi sento come se fossi in grado di sollevare un trofeo del Grande Slam.
Grande Slam, per favore non mettetemi sotto pressione.
perché ne faccia un altro. Non sono… No, non so se qualcuno riuscirà a riempire quei panni. Sarà
sarà un giorno triste quando se ne andranno. Ho fatto un podcast e
ho detto: “Mi sembra che gli esseri umani diano per scontato quanto siano bravi gli
bravi atleti a volte. LeBron, per esempio, nell’NBA,
è stato in giro per 18 anni, 19 anni quasi, al top
al vertice di questo sport, e ancora lo critichiamo.
Federer, Nadal, Djokovic, questi ragazzi sono così rari.

Q. Oggi sul Telegraph c’era un titolo che diceva che
diceva che è il peggior incubo di Wimbledon. Hai un
un lasciapassare per la finale. Qual è la sua reazione a questa notizia?
alle accuse che le sono state rivolte, al suo comportamento.
Immagino che si riferiscano a questo? Si sente come
di essere il peggior incubo di Wimbledon?
NICK KYRGIOS: Non l’ho letto, ad essere sincero. Non l’ho visto.
Senti, è difficile. È qualcosa con cui devo fare i conti. Come..,
è il mondo in cui viviamo. Sono in una finale di Wimbledon.
finale di Wimbledon. So che in fondo tutto quello che ho passato e per cui ho lavorato
e per cui ho lavorato. Cerco solo di godermi il viaggio. Se questo è
se questo è quello che vogliono scrivere, immagino che sia quello che vogliono scrivere.
scrivere. Posso solo controllare quello che faccio.
Vado là fuori e mi godo il momento.
Da quando sono nato, solo otto persone hanno vinto questo titolo.
titolo, otto persone. Quindi, non lo so. Voglio solo
di dare il meglio di me.

Q. Nelle ultime due settimane ha detto che ovviamente non gioca
non gioca un programma completo, ed è molto difficile viaggiare dall’Australia.
viaggiare dall’Australia. Il fatto che tu sia andato a fondo in questo
ti fa venire voglia di farlo più spesso?
NICK KYRGIOS: Voglio dire, sono ancora in viaggio per quattro o cinque mesi all’anno.
mesi all’anno. Ma ho deciso di non viaggiare più di così.
viaggiare più di così. Non voglio sacrificare
sacrificare il tempo trascorso in famiglia o a casa. Ci tengo troppo a queste
troppo a queste cose. Non voglio essere una persona che gioca tanto a tennis durante l’anno e non
giocare tanto a tennis durante l’anno e non
e che non ama il tempo trascorso a casa.
Ad esempio, dopo un risultato come questo, vittoria o sconfitta che sia, voglio avere quel tempo
tempo cruciale a casa per godermelo con i miei cari. Ho
questo sport da quando avevo sette anni. Questi sono
momenti in cui sento di volermi sedere e godermi la partita.
e goderselo. Siamo arrivati fin qui.
Non sto dicendo di compiacersi o altro. Io
ho ancora dei tornei da disputare dopo questo. Lo swing statunitense,
ovviamente. Dopodiché voglio solo avere un po’ di tempo per
riflettere farmi una camomilla e riposare. (1278)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com