Torneo di Madrid: gli organizzatori hanno già deciso di annullare la competizione

Se la probabile cancellazione del torneo di Madrid risponde per la prima volta a un’impennata dell’epidemia di coronavirus nella regione, sembra che gli organizzatori abbiano preso la loro decisione anche prima della raccomandazione delle autorità di Madrid

Da fonti vicine al principale responsabile della salute di Madrid si dice che siano stati gli organizzatori del torneo a decidere di cancellare il Madrid Open e solo dopo che la decisione era già stata presa, abbiano contattato le autorità sanitarie per avere raccomandazioni formali che avrebbero confermato la loro decisione. https://t.co/iBfAyJm9B2

Commedia dell’arte intorno al Mutua Madrid Open. Sembra infatti che non ci siano più dubbi riguardo la cancellazione del torneo di Madrid – Premier obbligatoria per le donne, Masters 1000 per gli uomini -, riprogrammato nel calendario dal 13 al 20 settembre, sfortunatamente non fa più dubbi. A meno che non ci sia stata un’inversione di tendenza improbabile durante un ultimo briefing tra gli organizzatori all’inizio della settimana, sembra che la riflessione per arrivarci sarebbe stata effettuata molto prima della lettera di raccomandazione in tal senso rilasciata dalla Comunità di Madrid alla fine la settimana scorsa.

Infatti, il vice ministro della sanità pubblica di Madrid Antonio Zapatero ha confessato che gli organizzatori del torneo avevano già preso la decisione di annullare, prima della posizione delle autorità cittadine. Avrebbero quindi chiesto alla comunità di Madrid di inviare una lettera ufficiale a sostegno di questa scelta, in considerazione della situazione sanitaria degradata dall’impennata del coronavirus nelle ultime due settimane nella regione di Madrid.

Madrid avrebbe faticato ad attrarre i migliori giocatori

Se sabato scorso Feliciano Lopez avesse detto “la salute rimane la priorità”, il torneo di Madrid quest’anno avrebbe avuto grandi difficoltà ad attirare i migliori giocatori, uomini e donne, come negli anni precedenti.

Con il torneo di Madrid posizionato immediatamente dietro gli US Open, la cui finale (13 settembre) è lo stesso giorno dell’inizio della competizione in Spagna, sarebbe praticamente impossibile, nelle attuali condizioni del protocollo di viaggio e salute , per i giocatori presenti a New York in particolare nella seconda settimana, ritrovarsi a Madrid per disputare il torneo.

Di fronte al rischio di una partecipazione molto ridotta, gli organizzatori del Mutua Madrid Open avrebbero quindi avuto un’altra ragione importante per decidersi alla cancellazione. Resta il fatto che tutto ciò rimane nello stato impraticabile.

Innanzitutto, gli US Open non sono ancora stati ufficialmente mantenuti e il torneo di Madrid non è stato ancora ufficialmente rimosso dal calendario. Se la USTA, l’American Tennis Federation, dovesse essere costretta, prima, a rinunciare a organizzare il proprio Maggiore, Madrid potrebbe tornare ad essere una terra ospitante popolare e gli organizzatori potrebbero quindi riconsiderare la questione del suo mantenimento o no… (23)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com