CARPE DIEM : COGLI L’ATTIMO. TRA MITO E LEGGENDA.

CARPE DIEM : COGLI L’ATTIMO. TRA MITO E LEGGENDA.

Ogni finale Slam lascia ricordi ed immagini indelebili il cui significato trascende col tempo il risultato di campo, i diritti, i rovesci e le percentuali di prime palle di servizio. La vittoria numero 20 centrata da Roger Federer in un Major, la sesta nella tappa Slam di Melbourne, segna un limite sportivo tennistico che forse non sarà mai eguagliato. Le probabilità di vedere tra i componenti della Next Gen un tennista capace di avviare una carriera simile a quella del campione svizzero sono ridotte e richiede una buona fantasia orientata ad un futuro molto, molto lontano.

Ogni epoca ha i suoi protagonisti ma il giocatore che ha ricevuto da oltre 15 anni il testimone da primo della classe da fenomeni del calibro di Agassi e Sampras tanto per citarne 2, è solo lo strabiliante Roger, un testimone mantenuto saldo anche nei momenti in cui questo poteva essere ceduto o perso per strada.

Gli ultimi 12 mesi tennistici vissuti da Federer sembrano toccati dagli dei, voluti dal cielo affinché lo svizzero, già leggenda, si trasformasse in mito.

Chissà se anche nel Tennis transita nello spazio celestiale sopra i campi una qualche divinità pallonara simile a quella che il giornalista Gianni Brera inventò negli anni settanta per il calcio. La dea, definita Eupalla, era la protettrice del bel gioco. Ispirava, nelle cronache di Brera dense di metafore, solo i migliori giocatori a compiere magie funamboliche e a calciare traiettorie vincenti.

Roger Federer compie spesso miracoli con la racchetta, ha fede nei suoi mezzi e nel suo talento infiniti, ma ha desiderato qualcosa che pareva improbabile da realizzare. Dopo l’uscita di scena da Wimbledon 2016, con un ginocchio malandato ed un morale da ricostruire, quanti addetti ai lavori immaginavano che avrebbe realmente risollevato un trofeo dello Slam da vincitore? Pochi.

Eppure, dopo uno stop durato 6 mesi in cui ha resettato gioco, mente e fisico, lo ha rifatto per ben tre volte, in modo clamoroso e straordinario. L’Eupalla del Tennis, se esiste, lo ha scelto come eletto.

L’epilogo della finale di Melbourne mentre Roger mostrava la sua esultanza prima e durante le premiazioni, ha scatenato nel pubblico un turbinio di emozioni. Addirittura Rod Laver, dalla tribuna autorità, impugnando il suo smartphone ha voluto fotografare la scena. Lui, Rod Laver detto The Rocket, autore unico di 2 Grand Slam a distanza di ben 7 anni l’uno dall’altro, 1962 e 1969, ha voluto fermare quell’attimo per renderlo eterno.

Come immutabile appare quel sollevare verso il cielo i trofei dello Slam vinti da Roger, gesto ovvio, ma con profonde radici ancestrali e arcaiche. Una gestualità dal significato duplice: dedicare all’alto la vittoria come segno di gratitudine e auspicare nuovi influssi divinatori per raggiungere altri e nuovi trionfi.

Federer, ormai leggenda, ha rinnovato e continua a rinnovare, il mito più antico dell’uomo: quello dell’immortalità.

federer ausF006 (263)


Related Articles

Halle : Roger Federer sfida in finale Alejandro Falla

Se era prevista la presenza di Roger Federer in finale sorprende trovare dall’altra parte il colombiano Alejandro Falla, giocatore più

Roma 2018 : Rafael Nadal in semifinale, l’ultima nel 2014

(Foto Brigitte Grassotti) Risultato : R.Nadal (SPA) b F.Fognini (ITA)46 61 62 Ha dovuto lottare per tre set Rafael Nadal

Monte-Carlo : Raonic troppo forte stop Cecchinato

(Foto Brigitte Grassotti) Risultato: M.Raonic (CAN) b. M. Cecchinato (ITA) 76 62 Resiste solo un set Marco Cecchinato opposto a

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment


Warning: Illegal string offset 'rules' in /web/htdocs/www.formulatennis.com/home/wp-content/themes/quadrum-theme/functions/filters.php on line 235

Warning: Illegal string offset 'rules' in /web/htdocs/www.formulatennis.com/home/wp-content/themes/quadrum-theme/functions/filters.php on line 238
<

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com