WIMBLEDON : Camila Giorgi “L’erba è la mia superficie”

Ha giocato una splendida partita dominata per un set e mezzo, si è fatta annullare quattro match-points per poi dominare il terzo set quando un tennista normale avrebbe ceduto pensando alle occasioni perdute. Questa è Camila Giorgi, che ieri ha eliminato la n.18 del mondo Madison Keys,  una vera guerriera che non si impressiona davanti a niente, che anche in difficoltà continua a picchiare dritti e rovesci cosciente che se riesce a fare il suo gioco nessun traguardo è impossibile

Difficile non demoralizzarsi dove quattro match-points e ripartire nel terzo come se niente fosse successo.
Arrabbiarsi non serve a nulla quindi sono rimasta focalizzata. Mi sono sentita molto bene, perché stavo giocando molto bene ho fatto quegli errori, ma ne avevo fatti pochi  sapevo che se potevo continuare  a giocare in quel modo, sapevo che l’avrei portata a casa.  Sinceramente il servizio è stato uno dei punti più forti grazie a quello ho portato a casa la partita. In effetti ho fatto quelli errori in quel game, purtroppo. Avevo fatto pochissimi errori fino a quel momento , purtroppo, ma stavo giocando bene e sentivo che se giocavo come nel primo potevo portarla a casa. Poi io ho giocato io molto bene nel terzo e sinceramente non so se lei ha avuto un problema. Si è giocata  una bella partita e problemi fisici tutte ne abbiamo, ma nel terzo sono io che ho giocato molto bene.

Oggi con la Keys le giocavi sul dritto il suo colpo migliore e lei comunque perdeva campo
Quando gli aprivo e giocavo profonda era in difficoltà, giocavo per mettergli pressione sul dritto incrociato perché mi sentivo comoda a giocare così

Comunque l’erba è la tua superficie
Si si per il mio stile di gioco questa è la mia superficie, sto giocando bene. Oggi sono caduta, ma sono io che ho appoggiato male, i campi sono buoni non sono un problema, quelli degli allenamenti sono più rovinati.

E sull’erba cerchi anche la rete
Si sempre ho voluto cercare la rete, ma si deve essere anche solidi da fondo, ma adesso che sto coprendo bene gli angoli e sto correndo bene, poi specialmente i miei colpi sono più incisivi posso costruirmi per andare avanti

Prossimo turno Ostapenko
Penso che sarà una partita molto simile a questa, però ripeto io penso sempre al mio gioco poi si vedrà. Non mi ricordo se ci ho già giocato

Anche se non ricordavi quando avevi battuto la Ostapenko (nel 2016 a Katowice) ti sorprende che abbia vinto uno Slam
Penso che il tennis femminile, tutte possiamo battere tutte, non mi sorprende Essere solidi specialmente ed avere la continuità (414)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com