Roland Garros : Iga Swiatek regina di Parigi

RG 2020 – La giocatrice polacca Iga Swiatek ha conquistato il titolo del Singolare Femminile al Roland Garros di Parigi. In finale ha battuto con fermezza la statunitense Sofia Kenin per 6-4, 6-1 dopo un’ora e 24 minuti di partita. È la prima tennista nella storia sportiva di Polonia a trionfare in una prova dello Slam. A soli 19 anni d’età ha dimostrato di confermare il talento espresso anche da giocatrice Junior. Nel 2018 giocò al Roland Garros il tabellone del torneo riservato agli under 18 dove in semifinale fu sconfitta da Caty McNally. A Wimbledon invece si piazzò al primo posto battendo la svizzera  Leonie Küng per 6-4, 6-2. Il futuro da campionessa della racchetta lo aveva inciso nel suo DNA.

Parigi – Che bello vincere. Che bello vincere una prova del Grand Slam. Ancor più bello se a farlo è una ragazza di appena 19 anni, di nazionalità polacca, giunta a Parigi da numero 54 del mondo. Alzino la mano coloro che – tra gli addetti ai lavori – avevano pronostico alla vigilia del Roland Garros che Iga Swiatek avrebbe sollevato la Coppa intitolata a Suzanne Lenglen… vincere contro pronostico indica che le due settimane di Parigi per la tennista biancorossa sono state il completamento di un puzzle. Emozionante la serie di abbracci intensi cercati e concessi dalla Swiatek al termine della finale a tutto il suo entourage seduto in tribuna. Un tributo di gratitudine riservato alla famiglia, agli amici più intimi e allo staff tecnico. Come dire che la vittoria era anche la loro e che il sogno di vincere al Roland Garros, tappa Slam preferita dalla 19enne e divenuto realtà pochi attimi prima, andava condiviso immediatamente, col sudore appiccicato ancora sulla maglia, la polvere di mattone sui calzini, l’emozione viva. Che bello. Che brava.

Queste le sue impressioni rilasciate ieri dopo il suo trionfo alla selva di giornalisti durante la conferenza stampa tenuta rigorosamente a distanza tramite la piattaforma Teams. In grassetto le domande dei cronisti. In corsivo le risposte di Iga Swiatek.

Pochissime persone riescono ad essere le prime nel loro paese e a realizzare un’impresa. Come ci si sente ad essere il primo detentore del Grande Slam per la Polonia?

“In realtà, sono orgogliosa di me stessa, ho avuto un buon rendimento di gioco nelle ultime settimane ma non mi aspettavo di vincere il trofeo di Parigi. È un’esperienza che cambierà la mia vita. È vero che questo è un momento storico per il mio paese. Radwanska prima di me ha giocato ad alto livello nella WTA per non so quanti anni, forse 12. Ma dovrò giocare costantemente per i prossimi 2 anni per essere considerata la miglior tennista in Polonia, perché ho ancora molto da fare per raggiungerla”.

Hai detto di essere stressata oggi, ma lo abbiamo visto a malapena. Come hai nascosto questo stress e sei riuscita a superarlo?

“Penso che quando giochi nella finale del Grande Slam, sei destinata a essere stressato. Hai visto anche la mio avversaria. Non siamo macchine. Entrambi abbiamo potuto lottare, ma è difficile anche giocare il tuo miglior tennis, perché sei sotto pressione. Ho provato a fare come nel turno precedente, cioè concentrarmi sulla tecnica, sulla tattica, per eliminare ogni mia aspettativa e giocare i punti uno per uno senza preoccuparmi di vincere o perdere. Come ho detto ieri, penso che la chiave fosse non avere troppe aspettative”.

Mi chiedo se hai parlato con Naomi Osaka in passato, ma sicuramente ora parlerai di come vivere con questa nuova gloria, questa fama?

“Sì, è difficile rispondere subito a questa domanda. Devo tornare a casa, vedere cosa sta succedendo in Polonia. So che sarà un po’ folle. Ho bisogno di abituarmi, ma non dovrebbe essere un problema per me, perché non ho mai avuto problemi quando le persone mi circondavano e mi prestavano molta attenzione. Penso che sarà fantastico. Apprezzo il supporto che ho ricevuto nelle ultime 2 settimane, anche se non ho potuto rispondere a tutti o rispondere al telefono. So che il paese era dietro di me e tutti credevano in me ed erano tutti felici e orgogliosi”.

Hai detto che sentivi la pressione, ma pensi che ci fosse meno pressione perché c’era poco pubblico?

“Non lo so, l’intero torneo è stato diverso. È certo che è sicuramente diverso. Non so come avrei reagito se il campo fosse stato pieno di spettatori. È difficile da dire. Se avessi giocato in finale o semifinale di un altro Grande Slam, lo saprei. Questo Grande Slam è stato davvero speciale. È stata un’esperienza speciale, diversa dalle altre. Nella mia esperienza, ho giocato a US Swing senza pubblico, ma avevo molte aspettative, più aspettative perché c’erano molti giocatori di alto livello mancanti a causa del Covid. Allora avevo più speranza. Mi sono abituata a giocare senza pubblico. Per quanto riguarda qui, ovviamente vorrei che ci fosse stato più pubblico, perché questo fa aumentare l’adrenalina. Ma oggi non ero mai stata in una situazione come questa”.

Grande torneo, grande partita oggi. So che sei molto interessata al lato psicologico dello sport, qual è stato l’ultimo messaggio della tua mental coach prima che scendessi in campo:

“Mi ha detto di fare come al solito. Mi ha detto: “Stai al passo con la tua routine, hai fatto un ottimo lavoro nelle ultime due settimane. Che tu vinca o perda, non importa fintanto che hai una buona prestazione ”.

Iga, in semifinale, in attesa della finale, hai detto: “Non mi interessa se vinco o perdo”. Immagino che tu non lo intendessi davvero:

“In effetti, è stato così sorprendente per me aver vinto contro Halep che ho già visto questo torneo come il traguardo di una vita. Non avevo aspettative troppo alte, non volevo stressarmi. Mi sono detto: “Non importa se vinco o perdo”. E alla fine ne ho approfittato. Non che non mi dispiacesse perdere o vincere, ma non volevo pensarci tutto il tempo. Vincere è il risultato del lavoro che svolgo costantemente”.

Quando hai parlato in campo durante le premiazioni eri molto calma finché non hai parlato di tuo padre, dove ti sei emozionata molto. Perché? Cosa ti è passato per la testa in questo momento:

“So che il mio discorso non era perfetto, anzi non sapevo cosa dire. C’era confusione nella mia testa. Tutto sembrava confuso. Sarebbe stato più facile per me parlare di mio padre in polacco. Ma ha fatto così tanto per aiutare mia sorella e me per fare ciò che più amiamo. È difficile da descrivere, ci ha dato tutto. È difficile descrivere come mi sento. Provo solo gratitudine per il supporto che mi ha dato”.

Sono abbastanza grande per aver visto Steffi Graf vincere al Roland-Garros sul campo 3 quando aveva 13 anni, un campo che non esiste più. A quel tempo, abbiamo visto tutti che aveva un potenziale enorme. Ma non sembra che tu abbia punti deboli. All’epoca aveva un rovescio che non era fantastico, mentre tu hai un rovescio fantastico su tutta la linea. Hai un grande diritto, hai fatto colpi incredibili. Vorrei farti la domanda. Secondo te cosa puoi fare per progredire, in quali ambiti? Anche se ho capito che hai uno sponsor, mi piacerebbe anche vedere i tuoi occhi oscurati dal tuo berretto:

“Sì, è vero, scusa, ma sono abituato a indossare cappelli e mi sento più a mio agio con loro. Ho solo 19 anni, so che il mio gioco non è completamente finito. La sfida più grande per me sarà rimanere costante nel rendimento. Questo è il problema del tennis femminile. Ecco perché ci sono così tanti nuovi vincitori del Grande Slam, perché non siamo continue come possono essere Rafa e Novak. Ecco perché il mio obiettivo sarà quello di rimanere costante e sarà difficile arrivarci. Per ora, voglio approfittare del momento. Più tardi penserò ai miei obiettivi futuri”.

Se hai controllato il telefono, sono sicuro che hai molti messaggi. Vorrei sapere, c’è un messaggio oltre ai messaggi della tua famiglia che spicca ed è più carino degli altri:

“Non ho guardato tutto, è difficile da dire. Non ho avuto tempo. Non posso rispondere alla tua domanda. Ti dico se c’è un messaggio in particolare che mi ha colpito, ho visto solo messaggi di amici e familiari più cari. Le persone che contano di più sono qui con me. Li ho visti dopo la partita”.

Una delle giocatrici contro cui hai giocato durante il torneo ha detto che hai un gioco molto diverso e soprattutto un dritto con effetti incredibili. Ti senti come se fossi una tennista completamente diversa e unica:

“Dal mio punto di vista è difficile dirlo, perché forse se avessi potuto giocare contro di me potrei risponderti. (Ride ndr) So che i miei amici mi dicono che i miei diretti in topspin possono essere pericolosi. Mi è sempre piaciuto far girare la palla e sollevare le palle, ma gioco d’istinto, mi ha aiutato molto. È difficile per me dire se il mio gioco è così diverso dagli altri”.

Fai parte della nuova ondata di giovani campioni del Grande Slam. Come pensi che ti abbia influenzato vedere alcuni dei ragazzi più giovani vincere di recente quando non erano i favoriti:

“Mi ha ispirato. So che non ci sono limiti. Puoi essere giovane e non essere un favorito, ma puoi comunque avere successo nel tennis. Mi ispira molto, ovviamente. E a volte immaginavo che stavo per vincere un Grande Slam, lo sognavo, ma mi sembrava molto distante. Ora che sono un campione del Grande Slam, mi sembra una follia. Crediamo in qualcosa, ma sappiamo che ci vorrà molto lavoro per ottenere questa vittoria da sogno. Quando dopo due settimane di buoni giochi ci arrivi, è qualcosa che ti travolge. Ci vorrà un po’ di tempo prima che possa digerire e diventare consapevole di tutto questo”.

Tutti sanno che il tennis è un gioco estremamente mentale e hai parlato molto bene del ruolo della psicologia. Bianca Andreescu ha parlato di meditazione, visualizzazione. Puoi parlarcene, sia dentro che fuori dal campo, e parlarci del ruolo della psicologia come arma:

“Sì, uso la visualizzazione e medito soprattutto durante le pause delle partite. Non so cosa abbia detto Bianca, perché molte persone cercano di meditare la notte prima di dormire. Cerco anche di farlo, ma forse non sono così regolare, a volte dimentico di meditare o visualizzare. Vorrei essere più regolare. Uso durante i giochi quello che mi ha insegnato il mio psicologo. È un lavoro enorme e a volte mi dice che le piacerebbe vedermi fare in campo il 40% di quello che mi ha insegnato, ma ho ancora margini di miglioramento. Se la tua domanda è qual è il ruolo della psicologia nella mia performance, direi che è significativa. Mi prepara mentalmente, mi permette di affrontare lo stress e la pressione. Vedo la differenza quando non posso. Ecco perché a volte perdo al primo turno, quando posso anche vincere un torneo. Dovrò essere più regolare nell’uso delle mie capacità. E questo è faticoso anche dal punto di vista mentale”. (104)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com